?>
background

Area Riservata

Chi è Online

 1822 visitatori online

Due pesi, due misure

antimo catDa qualche anno le mete più gettonate da molti operatori del settore autotrasporto sono Nova Gorica e Maribor, in Slovenia. Di solito solo per un weekend: tanto basta, con 500 euro, per avere il patentino ADR.

Un fenomeno arcinoto, un segreto di Pulcinella che tutti conoscono, ma nessuno fa niente, a discapito non soltanto di chi ottiene il patentino regolarmente in Italia, ma anche della sicurezza, perché con questa licenza – è bene ricordarlo – gli autisti sono autorizzati a trasportare merci pericolose, infiammabili ed esplosive: facile immaginare cosa comporterebbe un’incauta gestione del trasporto.

Il patentino si può ottenere in qualunque Paese dell’Unione europea, è vero. Ma non è possibile che ci siano Paesi in cui tutto si risolve in un fine settimana, mentre in Italia i tempi sono lunghi e gli esami complessi, difficili da superare. Perché questa corsa laddove peraltro si parla un’altra lingua? I dubbi sulle modalità con cui si svolgono questi corsi sono tanti.

Servono più controlli e soprattutto serve un’Europa senza divari così evidenti, soprattutto in nome degli enormi sacrifici che facciamo pur di farne parte: per rispettare i limiti che ci sono stati imposti, abbiamo una legge di bilancio che prevede tagli, risorse congelate e nuove tasse.

A rimetterci è stato ancora una volta l’autotrasporto che, con il taglio del fondo specifico per gli investimenti di 50 milioni di euro, ha visto sfumare la possibilità di rinnovare il parco circolante, il più vecchio d’Europa, proprio ora che le aziende sembravano più sensibili al tema dell’ammodernamento.

Ricordiamoci che a causa dei tanti mancati interventi strategici per il settore e la chiusura di tante imprese, lo Stato ha perso 105 milioni di euro di mancato gettito fiscale, i costruttori circa un miliardo e mezzo di fatturato e l’occupazione del settore ha visto perdere 135mila posti di lavoro, senza contare l’indotto. Quale futuro ci attende? Difficile dirlo. Per ora non resta che augurarci buon anno.

(Tratto dal numero di Gennaio 2019 di Free Services Magazine)

 

Antimo Caturano

Due pesi, due misure