?>
background

Area Riservata

Chi è Online

 1689 visitatori online

Incentivi 2019, il MIT comunica la ripartizione delle risorse

0978ac8303ec0aff0b1ebdc180c587b2 LA seguito della riunione tenutasi con le Associazioni dell’autotrasporto, il MIT ha comunicato la suddivisione delle risorse economiche per finanziare le imprese nell’acquisto di nuovi camion a basso impatto ambientale ed equipaggiamenti intermodali.

Per l’annualità 2019 la somma stanziata è di 25 milioni di euro così suddivisi:

  • 9,5 milioni di euro saranno destinati all’acquisto di veicoli alimentati LNG;
  • 9 milioni per la rottamazione di vecchi veicoli con contestuale immatricolazione di nuovi appartenenti alla classe ecologica Euro VI;
  • 6 milioni di euro saranno destinati all’acquisto di rimorchi e semirimorchi per il trasporto intermodale su nave o treno;
  • 500mila euro saranno destinati all’acquisto di casse mobili.

Al momento il Ministero, di concerto con le Associazioni di categoria, sta valutando la possibilità di apportare delle modifiche significative al decreto attuativo riguardante gli investimenti 2019 al fine di passare dall’attuale sistema, basato su un riparto delle risorse fino ad esaurimento delle stesse, ad una nuova modalità di accesso al contributo incentrato sul meccanismo a sportello o “contatore”.

Tale nuova modalità di accesso al contributo prevederebbe una prenotazione tramite piattaforma online da parte dell’impresa di autotrasporto che le permetterebbe di usufruire dell’intero beneficio previsto per una specifica misura. Tutto ciò a patto che l’investimento si perfezioni in un determinato periodo temporale che il Ministero sta definendo, pena la decadenza del contributo.

La nuova formula del decreto attuativo, al vaglio del MIT, inoltre, dovrebbe prevedere in 550.000 euro e non più nei 750.000 la soglia massima di investimenti finanziabili all’impresa di autotrasporto che ne faccia richiesta.

Tali modifiche, che sottolineiamo ancora non essere ufficiali, hanno come obiettivo quello di dare un congruo beneficio alle imprese che intendono rinnovare il proprio parco mezzi distribuendolo equamente tra piccole, medie e grandi realtà che operano nel settore. Allo stesso tempo con le nuove modalità di accesso ai contributi gli stessi benefici non verrebbero destinati alle imprese che acquistano mezzi con il solo intento di noleggiarli a terzi.

Nella riunione, infine, è stato confermato anche lo stanziamento di un fondo a parte istituito ad hoc per incentivare il rinnovo del parco veicolare per le annualità 2019-2020 e 2021, risorse queste che sarebbero prelevate dal Fondo Infrastrutture del Ministero dei trasporti mentre, rispetto alla ripartizione delle risorse da destinare al settore è stata confermata la precedente proposta avanzata nella riunione tra MIT ed Associazioni del 2 aprile scorso

 

Incentivi 2019, il MIT comunica la ripartizione delle risorse