?>
background

Area Riservata

Chi è Online

 807 visitatori online

Accise: dal 1° al 31 luglio sarà possibile presentare le domande di rimborso relative al II° trimestre 2018

agenzia delle doganeL’Agenzia delle Dogane con nota n.69244/RU del 19 giugno 2018 ha comunicato che potrà essere presentata la richiesta di recupero delle accise sul gasolio dal 1° luglio al 31 luglio, riferita al II° trimestre 2018 (periodo compreso tra il 1° aprile ed il 30 giugno), riguardante tutti i veicoli adibiti al trasporto merci di massa complessiva a pieno carico superiore alle 7,5 tonnellate, con la ormai nota esclusione dei veicoli appartenenti alle categorie ecologiche Euro 2 ed inferiori.

.L’ammontare rimborsabile delle accise, per i consumi effettuati nel II° semestre della corrente annualità, ammonta a 214,18 euro ogni 1.000 litri di gasolio, tenendo conto che l’importo delle accise stesse per uso commerciale su 1.000 litri di gasolio è stato fissato a 403,22 euro, così come previsto dal Decreto Legge n. 193/2006.Ricordiamo che è possibile utilizzare il software per la compilazione e l’invio telematico delle domande per ottenere il rimborso delle accise mediante il Servizio Telematico Doganale – E.D.I, dopo ovviamente essersi registrati, oppure è possibile presentare una dichiarazione cartacea presso l’ufficio delle Dogane territorialmente competente, accompagnata dalla versione della stessa trasferita su supporto informatico (CD-ROMA, DVD, pendrive USB, ecc).

Il collegamento web alla pagine del portale delle Dogane è il seguente:

www.agenziadoganemonopoli.gov.it/portale/benefici-gasolio-autotrazione-2-trimestre-2018   Per utilizzare lo strumento della compensazione tramite credito d’imposta segnaliamo, invece, che il codice tributo da riportare nel modello F24 è il 6740 ed inoltre segnaliamo che i crediti riconosciuti a partire dai consumi effettuati dal 2012 sono compensabili anche se il totale dei crediti di imposta, frutto delle agevolazioni concesse all’impresa, da indicare nel Quadro RU della dichiarazioni dei redditi, supera i 250.000 euro. Va, infine, sottolineato che il Decreto Legge 50/2017 ha ammesso l’utilizzo in compensazione con il Modello F24, per i predetti crediti di imposta da inserire nel quadro RU (compreso anche quello sulle accise) utilizzando solamente i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate.Fermo restando poi, a quanto finora disposto in tema di fatturazione elettronica, ricordiamo che l’Agenzia delle Dogane ha ribadito come nella fattura di acquisto del gasolio per autotrazione sia necessario riportare la targa del veicolo rifornito da impianti di distribuzione del carburante ai fini del rimborso delle accise sullo stessoPer quanto concerne i crediti relativi ai consumi di gasolio effettuati nl I° trimestre 2018 sarà possibile utilizzare lo strumento della compensazione entro il 31 dicembre 2019 mentre, rispetto alle eccedenze non compensate, il rimborso in denaro scadrà entro il 30 giugno 2020.Si raccomanda, infine, alle imprese di prestare la massima attenzione al momento della compilazione della domanda, specie per ciò che riguarda l’indicazione dei litri consumati di gasolio e dell’importo a credito, in virtù del fatto che le stesse dovranno compilare un atto di notorietà. Per questo motivo l’Agenzia ha chiarito che le imprese incorrerebbero nella decadenza del beneficio per aver riportato informazioni rivelatesi non veritiere come  previsto dall’art.75 del D.P.R. 445/2000. Qualora, invece, i dati risultino solamente irregolari ma non falsi, l’impresa potrà regolarizzare la propria posizione, pena l’improcedibilità dell’iter di riconoscimento del credito, così come previsto dall’art.71, comma 3 del sopracitato D.P.R.Per ulteriori chiarimenti in merito segnaliamo che sul sito dell’Agenzia delle Dogane è presente la sezione delle FAQ accise dove è possibile leggere anche i chiarimenti sulle domande di recupero poste dagli autotrasportatori. Di seguito riportiamo il link alla pagina delle FAQ. www.agenziadoganemonopoli.gov.it/portale/dogane/operatore/accise/faq-accise

Accise: dal 1° al 31 luglio sarà possibile presentare le domande di rimborso relative al II° trimestre 2018