?>
background

Area Riservata

Chi è Online

We have 1067 guests online

Fondo di Garanzia: in vigore misure figlie di conversione art.13 D.L. Liquidità

indexE’ stata emanata la circolare 13/2020 con la quale Mediocredito Centrale, mandataria del RTI gestore del Fondo Nazionale di Garanzia, comunica, a seguito dell’autorizzazione concessa dalla Commissione Europea con comunicazione C(2020) 4125 del 16 giugno 2020 in riferimento alla misura di aiuto SA.57625 - “Loan guarantee schemes under the Fondo di garanzia per le PMI – Amendment to the scheme SA.56966”, l’entrata in vigore delle modifiche introdotte alle misure previste dall’articolo 13 del Decreto Liquidità come convertito dalla Legge 5 giugno 2020 n. 40, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 143 del 6 giugno 2020, e descritte nella Circolare 12/2020 dell’8 giugno 2020, che sono applicate alle richieste di ammissione all’intervento del Fondo presentate a partire dal 19 giugno 2020.

Alla luce delle modifiche introdotte è stata pubblicata anche la versione aggiornata dell’Allegato 4 che i soggetti richiedenti (le banche o i Confidi) dovranno acquisire dal soggetto beneficiario finale per la presentazione delle richieste di garanzia diretta e di riassicurazione/controgaranzia. La nuova versione prevede, per le imprese caratterizzate da cicli produttivi ultrannuali appartenenti ai settori Edilizia e Immobiliare così come definiti alla Parte IX delle vigenti Disposizioni operative, la possibilità di poter utilizzare come parametro di riferimento, al punto c), della scheda 1 – punto 17.A, il 25% dei ricavi delle vendite e delle prestazioni, sommati alle variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti (le versioni aggiornate dell’Allegato 4 sono disponibili nella pagina Modulistica del sito Internet del Fondo di Garanzia) .

 

Ad integrazione di quanto comunicato con la Circolare n. 12 dell’8 giugno 2020, si specifica, inoltre che:

 

ai sensi della Lettera d), comma 1, articolo 13, è prevista la possibilità di:

 

                       cumulare la garanzia del Fondo (garanzia diretta o riassicurazione/controgaranzia) e la garanzia concessa da Confidi o altro fondo di garanzia, a valere su risorse proprie, sino alla copertura del 100% del finanziamento;

 

                       concedere la riassicurazione e la controgaranzia del Fondo in misura pari all’80% sulle garanzie rilasciate dai confidi o dagli altri fondi di garanzia, a valere su risorse proprie, in misura pari al 100% del finanziamento.

 

ai sensi della Lettera e), comma 1, articolo 13

 

                       in riferimento alle richieste di ammissione alla garanzia del Fondo relative alle operazioni finalizzate alla rinegoziazione e/o al consolidamento di finanziamenti non già garantiti dal Fondo ed effettuate dallo stesso soggetto finanziatore o da un soggetto finanziatore facente parte dello stesso gruppo bancario, i requisiti del credito aggiuntivo in misura non inferiore al 25% dell'importo del debito accordato in essere del finanziamento oggetto di rinegoziazione/consolidamento e della riduzione del tasso di interesse, descritti nella Circolare 12/2020 del Gestore, devono essere rispettati ai fini dell’ammissibilità alla garanzia del Fondo qualora la richiesta sia presentata a partire dal 19 giugno 2020 e l’operazione sia deliberata dal soggetto finanziatore non prima della medesima data;

 

                       in riferimento alle richieste di ammissione alla garanzia del Fondo relative alle altre operazioni finalizzate alla rinegoziazione e/o al consolidamento di finanziamenti (diverse da quelle di cui al punto precedente), i requisiti del credito aggiuntivo in misura non inferiore al 25% dell'importo del debito accordato in essere del finanziamento oggetto di rinegoziazione/consolidamento e della riduzione del tasso di interesse, descritti nella Circolare 12/2020 del Gestore, devono essere rispettati ai fini dell’ammissibilità alla garanzia del Fondo ai sensi del Punto 3.2 del Quadro Temporaneo qualora la richiesta sia presentata a partire dal 19 giugno 2020 e l’operazione sia deliberata dal soggetto finanziatore non prima della medesima data. Si ricorda che, per tali operazioni, nel caso in cui i requisiti non siano rispettati, la richiesta può essere presentata ai sensi dei Regolamenti “de minimis”;

 

Per le richieste di ammissione presentate a partire dal 18 giugno 2020 e riferite ad operazioni deliberate dal soggetto finanziatore prima di tale data, continua ad applicarsi la disciplina previgente.

 

                       ai sensi della Lettera n), comma 1, articolo 13, la garanzia concessa dal Fondo riguarda la sola quota di credito incrementale rispetto alle esposizioni pregresse. Pertanto nel caso di rinegoziazione/consolidamenti di debiti pregressi, la garanzia interverrà soltanto sulla quota di credito aggiuntivo (la cui misura minima è definita dalla Lettera e), comma 1, articolo 13)

 

Fondo di Garanzia: in vigore misure figlie di conversione art.13 D.L. Liquidità