?>
background

Area Riservata

Chi è Online

We have 1064 guests online

Sicurezza stradale: le strade europee stanno diventando più sicure ma i progressi rimangono ancora troppo lenti

indexSecondo i dati preliminari pubblicati  dalla Commissione europea, meno persone hanno perso la vita sulle strade dell'UE nel 2019, rispetto agli anni precedenti.

Si stima che 22 800 persone siano morte in un incidente stradale l'anno scorso - quasi 7000 vittime in meno rispetto al 2010 - con un calo del 23%.  Rispetto al 2018, il numero è diminuito del 2%.

Con una media di 51 morti su strada per 1 milione di abitanti, l'Europa rimane di gran lunga la regione più sicura al mondo per quanto riguarda la sicurezza stradale.

La commissaria per i trasporti Adina Vălean ha dichiarato: "Nessun decesso e lesioni gravi sulle strade europee entro il 2050. Questo è il nostro obiettivo. Puntiamo al 50% in meno di decessi e al 50% in meno di infortuni gravi entro il 2030 e sappiamo che il nostro obiettivo è raggiungibile. In passato l'UE ha registrato una sostanziale riduzione delle vittime della strada, ma cifre stagnanti negli ultimi anni. Inoltre, le disparità tra i paesi rimangono enormi. Raggiungeremo il nostro obiettivo solo attraverso una combinazione di misure legislative, finanziamenti adeguati, norme per veicoli e infrastrutture, digitalizzazione e scambio delle migliori pratiche ".

La tendenza sottostante rimane al ribasso.

Nel 2019, otto Stati membri hanno registrato il numero di vittime più basso mai registrato: Croazia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Lettonia, Lussemburgo e Svezia. Tuttavia, i progressi sono rallentati nella maggior parte dei paesi.

Di conseguenza, l'obiettivo dell'UE di dimezzare il numero di vittime della strada tra il 2010 e la fine del 2020 non sarà raggiunto. Anche se è probabile che nel 2020 ci saranno significativamente meno incidenti stradali a seguito delle misure adottate per combattere il coronavirus, ciò non sarà sufficiente per raggiungere l'obiettivo.

Mentre le prestazioni degli Stati membri nel campo della sicurezza stradale stanno convergendo, ci sono ancora quattro volte più morti per strada nel paese con le prestazioni peggiori rispetto al migliore. Le strade più sicure sono state in Svezia (22 morti / milioni di abitanti) e Irlanda (29 / milioni), mentre Romania (96 / milioni), Bulgaria (89 / milioni) e Polonia (77 / milioni) hanno registrato i più alti tassi di mortalità nel 2019. La media UE è stata di 51 morti per milione di abitanti.

Alcuni paesi hanno compiuto enormi progressi: Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda, i tre paesi baltici (Lettonia, Lituania ed Estonia) e la Croazia hanno registrato riduzioni superiori alla media (tra il 30 e il 40%) degli incidenti stradali.

Per il prossimo decennio, l'UE ha fissato nel quadro della politica di sicurezza stradale dell'UE 2021-2030 un nuovo obiettivo di riduzione del 50% per i decessi e, per la prima volta, anche per gli infortuni gravi entro il 2030.

La Dichiarazione di Stoccolma del febbraio 2020 apre la strada per un ulteriore impegno politico globale per il prossimo decennio.

Si stima che, per ogni perdita di vita, altre cinque persone subiscano gravi lesioni con conseguenze che cambiano la vita (circa 120.000 persone nel 2019). Il costo esterno degli incidenti stradali è stato stimato in circa 280 miliardi di euro, pari a circa il 2% del PIL dell'UE.

Il piano d'azione strategico della Commissione per la sicurezza stradale e il quadro politico dell'UE per la sicurezza stradale 2021-2030 ha inoltre definito ambiziosi piani di sicurezza stradale per raggiungere zero morti entro il 2050 ("Vision Zero").

Per raggiungere "Vision Zero", la Commissione sta implementando il sistema sicuro nell'UE. Questo sistema sicuro richiede veicoli più sicuri, infrastrutture più sicure, un migliore utilizzo dei dispositivi di protezione, velocità più basse e una migliore assistenza post-incidente. Inoltre, l'UE lavorerà per garantire una migliore applicazione transfrontaliera delle infrazioni stradali, digitalizzare le patenti di guida e sviluppare nuovi modi per aiutare gli Stati membri con registri di sicurezza stradale relativamente scarsi.

 

Sicurezza stradale: le strade europee stanno diventando più sicure ma i progressi rimangono ancora troppo lenti