?>
background

Area Riservata

Chi è Online

We have 2447 guests online

CORONAVIRUS: gli Stati membri dell'UE uniscono le forze sulla priorità di mantenere attivi i trasporti e la mobilità

indexSi è tenuta ieri,  convocata dalla presidenza croata, la videoconferenza informale di alto livello dei ministri dei trasporti dell'UE. La riunione ha visto una discussione costruttiva e di ampio respiro sul modo migliore per garantire la continuità economica, il flusso regolare di beni essenziali - compresi cibo e medicine - la salute e la sicurezza di i lavoratori dei trasporti e la loro libera circolazione attraverso i confini, concentrandosi sul contenimento dell'epidemia.

I ministri dei trasporti dell'UE insieme alla Commissione europea hanno concordato oggi di lavorare a stretto contatto per ridurre al minimo le interruzioni del traffico, in particolare per le merci essenziali. Il settore dei trasporti è gravemente colpito da una vasta gamma di misure nazionali per contenere la pandemia. La presidenza croata del Consiglio dell'UE, rappresentata dal ministro del Mare, dei trasporti e delle infrastrutture, Oleg Butković ha concluso che oggi è stato compiuto un importante primo passo verso un approccio coordinato e ha sottolineato la necessità di concentrarsi sul contenimento della diffusione del virus mentre i lavori dovrebbero continuare in stretta cooperazione tra gli Stati membri, la Commissione europea e le varie parti interessate Il Ministro ha anche sottolineato l'importanza di trovare soluzioni per gli obblighi finanziari delle imprese e degli operatori dei trasporti, poiché è nostro dovere mantenere vivo il settore dei trasporti dell'UE: “Esiste un chiaro impegno a coordinare e lavorare meglio insieme. Gli Stati membri devono continuare a condividere le misure nazionali e riferire anche sulle misure più efficaci.È importante trovare soluzioni per gli obblighi finanziari delle imprese e degli operatori dei trasporti. Dobbiamo fornire alle aziende i margini finanziari necessari per sopravvivere al periodo cruciale, evitando che la soluzione di una società diventi il ​​problema di un'altra. Abbiamo convenuto che è importante mantenere le merci in movimento, anche oltre confine, al fine di garantire che i beni essenziali e le forniture mediche raggiungano i nostri cittadini. Abbiamo anche sentito quali ulteriori azioni la Commissione intende adottare, poiché molte misure devono essere decise a livello dell'UE, al fine di garantire il sostegno a tutti i cittadini dell'UE e all'economia dell'UE.Questa settimana, gli organi preparatori del Consiglio hanno già affrontato la prima proposta concreta presentata la settimana scorsa: l'assegnazione delle bande orarie e, in qualità di Presidenza, ci impegniamo a concluderla quanto prima.

 

La commissaria europea per i trasporti, Adina Vălean, ha dichiarato: È tempo di misure concrete e di un forte coordinamento tra gli Stati membri e abbiamo concordato di designare punti di contatto nazionali per un migliore coordinamento. Ho chiesto l'istituzione di "corridoi verdi" essenziali per preservare la libera circolazione delle merci e delle persone che devono attraversare i confini. Ho sottolineato l'importanza di proteggere i lavoratori dei trasporti.Ho offerto tutto il sostegno della Commissione in termini di quadro normativo e strumenti finanziari per aiutare il settore dei trasporti, che è stato duramente colpito nei giorni scorsi, a riprendersi. Ad esempio, saremo flessibili in modo tale che nessun beneficiario del CEF sia penalizzato a causa dei ritardi causati dalla crisi.Apprezzo molto l'impegno dei ministri dei trasporti dimostrato oggi nell'applicazione del principio di solidarietà ".

La Commissione ha indicato un chiaro elenco di azioni nel suo intervento volte a proteggere il corretto funzionamento del mercato unico. Esse comprendono:

 

  • la libera circolazione dei lavoratori dei trasporti,
  • i "corridoi verdi" - corsie prioritarie per il trasporto merci,
  • la flessibilità delle norme relative ai tempi di guida e di riposo e la notifica preventiva delle misure alla Commissione.

 

Il sostegno espresso dai capi di Stato per gli orientamenti sulle frontiere faciliterà le misure volte a garantire che il flusso di merci continui nell'UE. I ministri hanno anche discusso su come alleviare l'impatto negativo sui settori dei trasporti e del turismo. Hanno convenuto che le risposte a COVID-19 non dovrebbero aggravare il disagio economico e sociale tagliando i collegamenti di trasporto tanto necessari. È indispensabile mantenere l'economia in movimento e per questo il settore dei trasporti è fondamentale.

 

CORONAVIRUS: gli Stati membri dell'UE uniscono le forze sulla priorità di mantenere attivi i trasporti e la mobilità